Comune di Novara
Numero verde URP 800500257
-

 

 

 
 Home > servizi > ambiente > agenda 21

COMUNE DI NOVARA

AGENDA 21

DOVE

Servizio Mobilità Urbana e Tutela Ambientale
Via Tornielli, 5 - 28100 Novara
Tel 0321 3702478
e-mail: barale.paola@comune.novara.it

QUANDO

lunedì, mercoledì, giovedì, dalle ore 8.30 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 17.30
martedì, venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00


L'Agenda 21 è il documento sottoscritto da 178 paesi durante la Conferenza ONU "Earth Summit" tenutasi a Rio nel 1992.

Tale documento contiene "le cose da fare nel XXI secolo" a livello planetario per rendere sostenibile lo sviluppo del nostro pianeta.

Il documento è formato da 40 capitoli e suddiviso in 4 sezioni: dimensioni economiche e sociali, conservazione e gestione delle risorse per lo sviluppo, rafforzamento del ruolo delle forze sociali e strumenti di attuazione.

In particolare, il capitolo 28 "Iniziative delle amministrazioni locali di supporto all'Agenda 21" riconosce un ruolo decisivo alle comunità locali nell'attuare le politiche di sviluppo sostenibile, tenuto conto che oltre il 45% della popolazione mondiale vive in contesti urbani.

Nel capitolo 28 si legge "Ogni amministrazione locale dovrebbe dialogare con i cittadini, le organizzazioni locali e le imprese private e adottare una propria Agenda 21 locale. Attraverso la consultazione e la costruzione del consenso, le amministrazioni locali dovrebbero apprendere e acquisire dalla comunità locale e dal settore industriale, le informazioni necessarie per formulare le migliori strategie".

L'agenda 21 locale è un processo che cerca di trasferire a livello locale politiche di sviluppo che possono agevolare il raggiungimento di obiettivi di sostenibilità attraverso un processo di partecipazione del territorio.

Agenda 21 locale viene istituita a Novara nel 1998, a seguito dell'adozione da parte del Consiglio Comunale della Delibera n. 166 di adesione alla Carta delle Città Europee per uno sviluppo durevole e sostenibile (Carta di Aalborg) ed al Piano d'Azione di Lisbona (Dalla Carta all'Azione).

L'avvio del processo di Agenda 21 a livello locale vede l'Amministrazione Comunale assumere l'impegno per:

Nel 1999 il Comune di Novara aderisce alla Carta di Ferrara, sottoscritta da più di 40 amministrazioni pubbliche riunite a Ferrara il 29 aprile 1999, documento che dà vita al Coordinamento AGENDE 21 LOCALI ITALIANE, organismo che assume i seguenti impegni:

Il processo di costruzione di Agenda 21 a livello locale risulta sostanzialmente strutturato attraverso i seguenti elementi fondamentali, definiti nella Conferenza sulle Città Sostenibili tenutasi ad Aalborg nel 1994:

Attivazione del Forum: tutti i portatori di interesse e le istituzioni coinvolte a livello locale vengono coordinati all'interno di un Forum che ha il compito di orientare il processo di elaborazione dell'Agenda 21 e monitorarne l'applicazione;

Consultazione: avvio di un processo di consultazione della comunità locale allo scopo di individuare i bisogni, definire le risorse che ogni parte può mettere in gioco, individuare i potenziali conflitti da gestire tra interessi diversi;

Audit urbano: raccolta di tutti i dati di base sull'ambiente fisico, sociale ed economico, che serva a costruire, attraverso indicatori ambientali, il rapporto sullo stato dell'ambiente su cui si svilupperà la discussione per la redazione del Piano d'Azione locale;

Target: definizione di obiettivi concreti e quantificabili, da associare a precise scadenze temporali e agli attori che saranno responsabili della loro attuazione;

Reporting: mantenimento di procedure di controllo permanente sull'attuazione e sull'efficacia del Piano d'Azione. La redazione periodica di rapporti che individuino i miglioramenti e i peggioramenti della situazione ambientale e che servano a suggerire eventuali aggiustamenti del Piano d'Azione.

L'attività svolta.

Il Comune di Novara nel 1999 avvia la redazione del 1° Rapporto sullo Stato dell'Ambiente, il principale strumento conoscitivo che nell'ambito del processo e delle attività correlate alla locale "Agenda 21" definisce la situazione ambientale del territorio comunale.

Tale documento, concluso nell'aprile 2000 ed approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 390/2000, viene prima sottoposto a consultazione pubblica per raccogliere eventuali osservazioni e successivamente pubblicato e presentato con apposito seminario tenuto a luglio del 2000. In tale seminario viene annunciata l'intenzione di dare avvio al processo di Agenda 21 con la costituzione di appositi Tavoli Tecnici di lavoro, coinvolgendo in particolare i rappresentanti istituzionali (Provincia e Quartieri), l'Università, le associazioni di categoria, l'ARPA e l'ASL di Novara, il Consorzio di Irrigazione Est Sesia, le Associazioni Ambientaliste, la Consulta Comunale per l'Ambiente, le Associazioni dei Consumatori, le Aziende Comunali (ASSA, SIN e SUN).

I Tavoli Tecnici si sono successivamente formati tenendo conto delle strette relazioni esistenti tra le componenti ambientali e le attività umane, nonché delle competenza ed interessi dei diversi soggetti, operando in quest'ultimo caso una scelta tesa ad individuare, in una fase di avvio della costruzione del processo e del documento di Piano, un numero ristretto di "attori" ma tale da rendere concreta la discussione e garantire l'individuazione dei problemi e delle strategie di azione. I Tavoli Tecnici costituiti raggruppavano i seguenti temi:

Nei mesi di ottobre e novembre 2000 si sono tenuti i primi incontri dei Tavoli Tecnici durante i quali sono state presentate, per favorirne la discussione, delle schede in cui si richiamavano i principali elementi di conoscenza e valutazione e le carenze informative, come individuati nel Rapporto sullo Stato dell'Ambiente, si indicavano le criticità ambientali e le relative cause, si proponevano obiettivi generali da assumere ed azioni principali da avviare.

Nel corso di questi incontri si è svolto un confronto finalizzato a verificare i programmi adottati e le singole azioni già intraprese dai diversi "attori" e ad identificare le possibili relazioni e sinergie, a definire un possibile quadro di indicatori ambientali da utilizzare per le successive versioni del Rapporto, a giungere ad una condivisione dell'analisi sullo stato dell'ambiente e delle priorità ambientali, a delineare in termini generali gli obiettivi da assumere quale riferimento e le strategie da perseguire, a raccogliere proposte e disponibilità dei diversi soggetti partecipanti.

Nel periodo dal dicembre 2000 al marzo 2001, sulla base di quanto emerso negli incontri dei Tavoli Tecnici, si acquisivano ulteriori documenti di programmazione ed informazioni specifiche in merito alle azioni avviate dai diversi "attori", utili per procedere alla stesura della bozza del Piano di Azione Ambientale. Nel mese di maggio, a seguito di una prima elaborazione di alcune strategie, si definiva la struttura generale da dare al documento di Piano e l'impostazione delle schede delle singole strategie od azioni. La redazione della bozza delle schede del Piano d'Azione Ambientale si concludeva nel mese di luglio 2001 ed a seguito della verifica da parte dell'Assessorato all'Ambiente venivano formulate richieste di integrazione, in particolare riguardanti l'aggiunta di nuove strategie od azioni, e di verifica della congruità con altri programmi approvati od in corso di approvazione da parte del Comune di Novara (PRUSST e Piano Urbano del Traffico).

Il Piano d'Azione, completo delle schede revisionate e definitivo è stato, quindi, adottato dalla locale Amministrazione con Delibera di Giunta Comunale n. 628 del 16/10/2002.

Il Piano d'Azione ambientale

Il Piano d'Azione Ambientale è costituito da due parti o sezioni distinte in cui sono individuati gli indicatori ambientali ed in cui sono raccolte le schede delle singole strategie ed azioni, che tengono conto dell'articolazione in aree tematiche, già adottata nella redazione del 1° Rapporto sullo Stato dell'Ambiente, relative alle principali componenti ambientali, ai fattori fisici ed alle attività antropiche o driving forces.

Per quanto attiene agli indicatori ambientali sono stati individuati quelli principali che possono essere prodotti a seguito dell'attuazione delle strategie ed azioni previste dallo stesso Piano e che consentono da una parte di verificare l'efficacia delle azioni registrando le variazioni dello stato, della pressione e delle risposte e dall'altra di elaborare le successive versioni del Rapporto sullo Stato dell'Ambiente della città di Novara. Tali indicatori ambientali sono elencati in Tabelle, distinte per ogni area tematica, riportandone la denominazione ed una definizione di sintesi.

Per quanto attiene alle strategie od azioni del Piano le stesse sono descritte in apposite Schede che comprendono una parte di inquadramento generale ed una tabella di individuazione delle diverse azioni della strategia o delle differenti fasi di attuazione di una singola azione.

Il 2° Rapporto sullo Stato dell'Ambiente della Città di Novara.

Il Rapporto sullo Stato dell'Ambiente è il documento che nell'ambito delle attività correlate al processo di ogni Agenda 21 locale ha la funzione di raccogliere e ordinare tutte le informazioni di carattere ambientale disponibili sul territorio (cambiamenti climatici, uso e consumo del suolo, urbanizzazione del territorio, mobilità, consumo di energia e risorse, qualità dell'aria, ciclo dell'acqua, produzione rifiuti, rumore, elettrosmog, ambiente e salute, ecc.) per offrire all' Amministrazione Pubblica ed alla cittadinanza uno strumento di conoscenza indispensabile alla definizione delle priorità e alla programmazione degli interventi da mettere in campo per la tutela ambientale.

Per tali motivi il Rapporto sullo Stato dell'Ambiente è oggetto di periodico aggiornamento; i competenti Servizi comunali hanno quindi proseguito, negli anni successivi alla pubblicazione del 1° R.S.A., l'attività di raccolta dati e di reporting ambientale, e nell'anno 2007 è stato quindi elaborato il 2° Rapporto sullo Stato dell'Ambiente della Città di Novara, che di seguito pubblichiamo .


 

87.250.65.66A -A -A

C.F./P.IVA: 00125680033 - Via Rosselli, 1 - 28100 Novara - Tel. 03213701 - Fax. 03213703937
Note legali - Uso dei cookie - Sito creato da: Servizio Informatico Comunale