Il voto

L'art. 48 della Costituzione sancisce il principio del suffragio universale, conferendo la qualità di elettori a tutti i cittadini che abbiano raggiunto la maggiore età e che non si trovino in alcuna delle cause ostative previste dalla legge. L'esercizio del diritto di voto non può essere limitato se non per incapacità civile o per effetto di una sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnità morale previsti dalla legge.

Il voto è un diritto del cittadino che può scegliere liberamente se usufruirne o meno: "Il voto è un diritto di tutti i cittadini, il cui libero esercizio deve essere garantito e promosso dalla Repubblica" (art. 4, T.U., n. 361, modificato dalla legge 277/1993). Pertanto, chi non si reca a votare in occasione di una consultazione elettorale non deve più, come in passato, giustificare la sua assenza o il suo impedimento al Comune di residenza.

LE SEZIONI ELETTORALI:
Ogni seggio è composto da:

  • un presidente, nominato dalla Corte d'Appello competente per territorio sulla base dell'albo in suo possesso;
  • un segretario nominato dal presidente;
  • tre scrutatori per i referendum e da quattro per tutte le altre consultazioni elettorali.
Gli scrutatori sono scelti dalla Commissione Elettorale tra coloro che sono iscritti nell'apposito albo tenuto dall'Ufficio Elettorale. Allo stesso modo viene anche predisposta una lista per eventuali supplenze che si dovessero rendere necessarie.

Le domande per le iscrizioni negli albi devono essere presentate, in base alle norme di legge, all'Ufficio Elettorale:
  • presidenti di seggio: entro il 31 ottobre di ogni anno;
  • scrutatori: entro il 30 novembre di ogni anno.

OPERAZIONI DI VOTO:    
Ogni elettore si reca a votare nella sezione di appartenenza, relativa al luogo di residenza e di suddivisione territoriale di circoscrizione, indicata nella tessera elettorale.
Nel caso la tessera elettorale non fosse stata consegnata a domicilio dall'incaricato del Comune, egli può ritirarla presso l'Ufficio Elettorale Comunale aperto appositamente dalla settimana precedente la consultazione fino alla chiusura delle votazioni. In caso di smarrimento o furto, il comune rilascia il duplicato della tessera al titolare, previa sua domanda, corredata da una dichiarazione sostitutiva dell'avvenuto smarrimento o furto.

Possono votare in luogo diverso dal proprio seggio:
  • gli elettori non deambulanti, quando il loro seggio abbia barriere architettoniche: essi debbono esibire, oltre alla tessera elettorale, anche il certificato medico rilasciato dall'unità sanitaria locale competente. Qualora l'elettore fosse titolare di una invalidità permanente regolarmente riconosciuta, potrebbe richiedere presso l'Ufficio elettorale l'apposizione sulla tessera elettorale di un timbro che gli consentirà di votare senza presentare la documentazione medica al seggio ad ogni tornata elettorale;
  • le persone ricoverate in ospedali o case di cura che possono esprimere il proprio voto nel luogo di cura, con una particolare attestazione rilasciata dal Sindaco di residenza;
  • possono votare accompagnati solo gli elettori che presentano gravi impedimenti fisici, quali amputazioni alle mani, cecità, ecc..

RILASCIO CERTIFICAZIONI MEDICHE PER ELETTORI DISABILI CHE NECESSITANO DI ACCOMPAGNAMENTO

Gli elettori non deambulanti o che comunque abbiano difficoltà ad accedere al proprio seggio quando in questo siano presenti barriere architettoniche, o che necessitano di accompagnamento, possono esercitare il diritto di voto in una qualunque  altra sezione del comune, presentando apposita attestazione medica rilasciata dai medici della Medicina legale negli orari sotto riportati.

Questa attestazione è valida anche se rilasciata in precedenza per altri scopi, come pure è valida una copia della patente di guida speciale, purché dalla documentazione risulti l'impossibilità o la capacità gravemente ridotta di deambulazione.

Per l'accompagnamento in cabina deve risultare dalla documentazione medica l'impossibilità dell'elettore di esprimere il voto autonomamente, non è ammesso l'accompagnamento all'elettore affetto da sola  disabilità  psichica.

Gli elettori affetti da patologie croniche tali da non potere mai votare autonomamente (es. non vedente, impossibilità ad usare le mani ecc..) inoltrando domanda (https://www.comune.novara.it/it/upload/contenuti/moduli/istanzavotoaccompagnatore2019) allo sportello dell'Ufficio elettorale con un documento di identità personale, la documentazione medica rilasciata della medicina  legale o con la copia del verbale della Commissione medica che ha dichiarato l'invalidità permanente, potrà ottenere un timbro (AVD)sulla tessera elettorale, grazie al quale, anche in futuro sarà ammesso al voto con l'assistenza di un elettore della Repubblica.  

Nessun elettore può esercitare la funzione di accompagnatore per più di un invalido. Sul suo certificato elettorale è fatta apposita annotazione del Presidente di seggio nel quale ha assolto tale compito.

A NOVARA TUTTE LE SEZIONI ELETTORALI SONO PRIVE DI BARRIERE ARCHITETTONICHE

ESERCIZIO DOMICILIARE DEL DIRITTO DI VOTO DA PARTE DEGLI ELETTORI SOTTOPOSTI A TRATTAMENTO DOMICILIARE O IN CONDIZIONI DI QUARAQNTENA O ISOLAMENTO FIDUCIARIO PER COVID-19

Limitatamente alle consultazioni elettorali e referendarie del 2020, gli elettori sottoposti a trattamento domiciliare e quelli che si trovino in condizioni di quarantena o di isolamento fiduciario per Covid_19 sono ammessi ad esprimere il voto presso il proprio domicilio nel Comune di residenza.

E' necessario pertanto che tra il 10 e il 15 settembre 2020 l'elettore faccia pervenire al Sindaco del Comune in cui è iscritto nelle liste elettorali  la dichiarazione (vedi modello) con la quale manifesti la sua volontà di esprimere il voto presso il proprio domicilio. La dichiarazione dovrà contenere l'indicazione esatta del domicilio dell'elettore e dovrà essere corredata da un  certificato rilasciato dal funzionario medico appositamente designato dall'Azienda Sanitaria Locale e datato NON prima del 6 settembre 2020 in cui si attesti l'esistenza delle condizioni previste all'art. 3, comma 1, del D.L.103/2020 (trattamento domiciliare o condizioni di quarantena o isolamento fiduciario per Covid-19)

Entro e non oltre il 19 Settembre 2020 il Sindaco del Comune in cui è ubicata la struttura sanitaria con reparto Covid-19, comunicherà all'elettore  la sezione ospedaliera alla quale è stato assegnato per l'esercizio del voto.

Per gli elettori del Comune di Novara l'indirizzo di posta elettronica a cui inviare è il seguente: elettorale@comune.novara.it

VOTO DOMICILIARE PER ELETTORI AFFETTI DA INFERMITA' CHE RENDANO IMPOSSIBILE L'ALLONTANAMENTO DALL'ABITAZIONE

Ai sensi della legge 27 gennaio 2006, n.22 come modificata dalla legge 7 maggio 2009 n.46, possono essere ammessi al voto domiciliare gli elettori affetti da grave infermità che si trovino in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali  tali da impedirne l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorano e gli elettori affetti da gravissime infermità tali che l'allontanamento dall'abitazione in cui dimorino risulti impossibile anche con l'ausilio del trasporto pubblico messo a disposizione dal Comune per il raggiungimento del seggio elettorale.

Le disposizioni sul voto domiciliare per la consultazione referendaria si applicano nel caso in cui il richiedente dimori nell'ambito del territorio nazionale  per cui è elettore.

L'elettore interessato deve far pervenire al Sindaco del Comune nelle cui liste elettorali  è iscritto, tra IL 40. e il 20. giorno antecedente la votazione, un'espressa dichiarazione (https://www.comune.novara.it/it/upload/contenuti/moduli/istanzavotodomiciliare2019) attestante la propria volontà di esprimere il voto  presso l'abitazione in cui dimora, unitamente alla documentazione sanitaria prevista. Nel medesimo certificato potrà essere attestata, altresì, l'eventuale necessità di un accompagnatore per l'esercizio del voto.(https://www.comune.novara.it/it/upload/contenuti/moduli/istanzavotoaccompagnatore2019)

Nella richiesta, da redigere in carta libera, devono essere indicate le generalità, l'indirizzo dell'abitazione in cui l'elettore dimora,  un recapito telefonico e alla stessa deve essere allegata copia della tessera elettorale e idonea certificazione sanitaria rilasciata da un funzionario medico designato dagli organi dell'Azienda sanitaria locale.

Il certificato medico, rilasciato in data non anteriore al 45. giorno antecedente la data delle elezioni, deve attestare la condizione di infermità (come previsto dal  comma 1 dell'art. 1 della legge n. 46/2009), e l'impossibilità dell'elettore a muoversi anche con l'aiuto dei servizi di trasporto pubblico gratuiti, organizzati dal Comune per facilitare il raggiungimento dei seggi.

Il certificato deve riportare una prognosi di almeno 60 giorni decorrenti dalla data di rilascio del certificato medesimo

Via Fratelli Rosselli, 1, 28100 Novara NO, Italia
03213702210 - 03213702262
PEC elettorale@cert.comune.novara.it